Musical Theater: consigli per la voce dell’artista

Musical Theater: consigli per la voce dell’artista

La voce è il cuore del lavoro del cantante/attore.

La salute delle corde vocali dovrebbe, per prassi, diventare un’importante priorità per un giovane artista con regolari controlli dell’apparato vocale.

Le metodologie e tecniche per lo studio di canto sono diverse.

Alcuni esempi:

  • la mescolanza dei registri,
  • lo sviluppo della voce di testa soprattutto per le donne,
  • il controllo della respirazione diaframmatico intercostale;

A pari passo con l’acquisizione della tecnica vocale, il giovane artista di  Musical Theater deve distinguere la vocalità classica del musical dalla vocalità lirica:

  • l’importanza della comprensione delle parole,
  • un suono meno impostato e meno risonante di quello della lirica,
  • una naturalezza d’emissione più simile al parlato (derivata dal fatto che lo stesso performer parla e canta),
  • vocali più chiare e meno coperte - fino allo “squillo”- e un vibrato sviluppato ma non onnipresente e comunque sempre messo al servizio dello stile musicale.

Scritto per noi da:

Shawna Farrell – direttrice e fondatrice della “Bernstein School of Musical Theater and the Performing Arts” di Bologna.

E’ laureata in Studi Musicali e Vocali presso l’Università di Toronto e diplomata al Royal Conservatory of Music di Toronto in pianoforte e voce.

Ha debuttato nel 1981 con la Canadian Opera Company di Toronto e successivamente ha lavorato come cantante e attrice di opere, musical, concerti e film ad Ottawa, Vancouver, Chicago, Baltimora, Philadelphia, Los Angeles e New York.

Insegna canto, mock auditions e musical scene studies all’interno della BSMT, per la quale cura la regia e la direzione musicale della maggior parte degli spettacoli. Svolge attività di Masteclass in Italia e all’estero.

Shawna Farrell è considerata a tutt’oggi la più accreditata esperta in materia di musical nonché scopritrice di molti talenti in ambito musical.

Giovedì, 26 Maggio, 2016