La primavera: una stagione deliziosa?

La primavera: una stagione deliziosa?

Se per la maggioranza degli individui la primavera è una stagione deliziosa, il preludio del periodo estivo, delle vacanze e del relax, per molti altri non è affatto un momento piacevole. Il clima mutevole, bizzoso, ventoso, fresco la mattina e forse troppo caldo nelle ore centrali, le piogge improvvise, le giornate che si allungano, con la luce che si oppone alla notte giorno dopo giorno e invita ad uscire all’aperto verso sera, ne sono la causa. La natura rifiorisce e i pollini volano nell’aria, per la disperazione degli allergici, che iniziano a starnutire.  Si spengono i termosifoni, in ottemperanza ai decreti, ma le case non sono neanche tiepide, e il mal di gola è sempre in agguato. Come le tarme, golose dei nostri tessuti, che prendono forma in primavera minacciando il guardaroba.

Per salvarci dall’attacco e affrontare adeguatamente il nuovo clima, facciamo il cambio di stagione negli armadi: nascondiamo al buio maglioni, giacche e cappotti in compagnia di repellenti per gli insetti, efficaci forse, ma odorosi e irritanti per chi li respira. Infatti, a far le spese di tutti questi repentini cambiamenti, quali l'escursione termica, con il brusco passaggio dal freddo al caldo, l’aria secca e l’inalazione di polveri irritanti, dovute sia all’inquinamento che ai pollini dispersi, sono le nostre mucose, che si infiammano. 

All’ aumentare della secchezza dell’aria e delle sostanze irritanti in essa contenute, si reagisce schiarendo frequentemente la gola o con colpi di tosse ripetuti, ma si può soffrirne anche quando le narici sono ostruite, perciò risulta difficile respirare con il naso e lo si fa con la bocca. Così l’aria che entra in gola non è filtrata, né umidificata e nemmeno scaldata dal passaggio nasale.

A cura della Dottoressa Mariasandra Aicardi

Venerdì, 31 Marzo, 2017